Piernicola Pedicini

Originario di Benevento, sposato e padre di due figli, laureato in fisica teorica, specializzato in fisica medica, autore di numerosi articoli scientifici nel settore oncologico.
Europarlamentare europeo alla seconda legislatura, inizia la sua attività politica portando avanti battaglie per la salvaguardia dell’ambiente e per la difesa del Mezzogiorno d’Italia. 

Nel 2013 è il candidato alla presidenza della Regione Basilicata per il Movimento 5 Stelle, arrivando terzo con il 13,19% delle preferenze. L’anno successivo viene eletto al Parlamento Europeo con 35.829 voti, per poi essere riconfermato 5 anni dopo con 58.901 preferenze. 

Nel 2020 aderisce al gruppo parlamentare Greens/EFA. Nel 2021 si iscrive al Movimento Equità Territoriale, fondato dallo scrittore Pino Aprile, del quale diventa segretario nel dicembre dell’anno successivo. 

Antimilitarista e fermo sostenitore dei processi diplomatici per la soluzione delle controversie internazionali, si oppone fin da subito alle politiche belliciste di Unione Europea e Usa, votando contro ogni risoluzione che prevedesse l’invio di armi e l’imposizione di sanzioni. Si oppone anche a tutti i provvedimenti che non prevedessero il cessate il fuoco o che legittimassero la linea dura del governo di Netanyahu. Nell’ottobre del 2023 presenta una mozione di sfiducia nei confronti della Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, per il sostegno incondizionato ad Israele nonostante le violazioni del diritto internazionale. 

Sceglie di aderire al progetto “Terra Pace e Dignità” di Michele Santoro perché ritiene che oggi sia l’unico progetto politico che parla credibilmente di pace con l’obiettivo di portare al Parlamento Europeo la voce inascoltata della maggioranza dei cittadini europei.
Un impegno assunto in particolare a nome di tutti i cittadini del Mezzogiorno d’Italia che, più di ogni altro territorio d’Europa, sta pagando le conseguenze economiche provocate dalle guerre.

 

materiali